Africa,  NonSoloArte

Lagos, la danza per aiutare i bambini di strada

Lagos è la più grande città dell’intero continente africano e una delle più popolose al mondo. È talmente ampia che si sono formate “città” all’interno della stessa città. Nell’area nord-est di Lagos si trova Ikoradu ed è qui che Seyi Oluyole ha fondato Dream Catchers Academy, organizzazione che aiuta i bambini di strada.

Un sogno diventato realtà

L’espressione “Dream Catchers” indica gli acchiappasogni e la giovane Seyi Oluyole, non ancora trentenne, è riuscita a realizzarne uno molto importante: togliere dalla strada bambini e ragazzi, dando un nuovo significato alle loro vite. Molte famiglie disagiate e indigenti a Ikoradu, dove ha sede la Dream Catchers Academy, non danno molto importanza all’educazione dei propri figli. Alcuni di loro sono costretti a vendere piccoli oggetti e molti altri vivono per strada. Crescere a Lagos può essere estremamente difficile, soprattutto se si è nati in un contesto difficile, fatto di povertà e violenza. È proprio partendo da un ambiente complesso e contraddittorio come quello di Ikoradu che Seyi Oluyole ha voluto creare uno spazio completamente diverso. È uno spazio dominato dalla musica e soprattutto dalla danza. Ed è in questo spazio che Seyi Oluyole ha portato bambini e ragazzi, di età compresa tra i 6 e i 16 anni, togliendoli dalla strada.

Un nuovo modo di educare i piccoli

Seyi Oluyole è riuscita a creare qualcosa di unico: un’accademia in cui tanti bambini e ragazzi possono studiare; imparare a leggere e a scrivere; uscire dalla povertà. Grazie ai ritmi della danza piccoli e adolescenti riescono a scrollarsi di dosso i traumi della vita di strada e a sviluppare stima di sé, delle proprie capacità. Ma c’è molto di più. I bambini possono mangiare in modo sano e regolarmente, possono essere curati e avere un riparo sicuro. I video girati da Seyi Oluyole per le vie di Lagos, in cui i bambini e i giovani danzano sorridendo, hanno fatto il giro del mondo. Ciò ha permesso al progetto Dream Catchers Academy di avere sostenitori in varie nazioni. Persino note cantanti afroamericane come Beyoncé e Rihanna hanno manifestato il loro apprezzamento per questa causa. Anche la nota modella Naomi Campbell ha dato il suo sostegno. Il gruppo dei Dream Catchers è ormai diventato celebre, tanto che hanno danzato nel video del cantante nigeriano Amada.

Tutto è iniziato in una chiesa

Prima di creare la Dream Catchers Academy, Seyi Oluyole era la coreografa di un gruppo di danzatori attivi nella chiesa del suo quartiere di Lagos. Durante le messe, Seyi notò la presenza di tanti giovani indigenti, il cui numero aumentava sempre più ogni domenica, perché la celebrazione religiosa, i canti e le danze permettevano loro di dimenticare la fame e le difficoltà della vita.

«I bambini entravano in chiesa sempre più numerosi e desideravano danzare. In un attimo, capii che la maggior parte di loro non frequentava la scuola. Molti non parlavano nemmeno l’inglese, una delle lingue ufficiali della Nigeria», ha ricordato Seyi Oluyole. Da queste considerazioni è nato il sogno di offrire una nuova speranza ai bambini più poveri attraverso la danza.

E così Seyi Oluyole è riuscita a dar vita alla Dream Catchers Academy. È importante sottolineare che Seyi Oluyole ha conosciuto in prima persona la vita di strada. Era appena dodicenne quando suo padre perse il lavoro in banca. Dopo poco tempo, tutta la famiglia fu costretta vivere in strada per due anni. Lei, nonostante tutto, è stata fortunata, poiché i suoi genitori, malgrado le difficili condizioni economiche, le permisero di continuare gli studi. Così non è per centinaia e centinaia di bambini che vivono a Lagos. È per questo che Seyi Oluyole ha fatto di tutto per acchiappare il suo sogno, la creazione della Dream Catchers Academy, e così facendo sta realizzando i sogni di tanti bambini nigeriani.

Silvia C. Turrin

Foto-Photos: Dream Catchers Dance Academy / Seyi Oluyole



Dream Catchers Dance Academy
184, Awolowo Road, Itamaga, Ikorodu, Lagos, Nigeria
Web: dreamcatchersacademy.org

L’articolo è on line anche sul sito SMA Africa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *