Bhutan, il regno del drago tonante

È immerso nel cuore dell’Himalaya, difeso da un complesso ambiente costituito da valli profonde e da alte vette che toccano i settemila metri. La collocazione geografica ha contribuito a renderlo inaccessibile per molti secoli e sino al 1974, le porte del Bhutan sono state chiuse agli stranieri. Confinante con Cina, India e Nepal, questo piccolo regno dell’Asia è ancora restio ad aprirsi al turismo di massa: alcune località rimangono inaccessibili e il flusso degli stranieri è costantemente monitorato da oculate politiche governative. Non è comunque difficile ammirare i suoi incantevoli paesaggi naturali se ci si aggrega a un gruppo composto almeno da quattro persone e se si viaggia sostituendo l’idea di “turisti fai da te” con il concetto di viaggiatori consapevoli, rispettosi delle tradizioni di questa nazione sospesa tra atmosfere antiche e una profonda spiritualità.

I suoi abitanti lo chiamano Druk Yul, “terra del drago tonante”. Un nome datogli dai tibetani, che lo unificarono nel 1600 grazie all’opera del lama Ngawang Namgyal, a cui si deve l’introduzione del buddhismo Mahayana. La figura del drago e il culto buddhista sono talmente centrali nel Paese da essere stati simbolicamente adottati sulla bandiera bhutanese, dove i colori giallo e arancione rappresentano rispettivamente il potere temporale della monarchia e quello religioso del monachesimo buddhista. L’immagine del drago esprime la forza delle divinità femminile e maschile che proteggono il Paese dalle energie negative.

Gli echi del passato riemergono visitando le antiche fortezze, chiamate dzong, che tratteggiano raffinate e suggestive espressioni architettoniche, costruite in zone strategiche a scopo difensivo, religioso e amministrativo. Tra le più importanti spiccano il Rinchen Pung Dzong, la “fortezza su un cumulo di gioielli”, e il Trashi Chhoe Dzong, “fortezza della religione gloriosa”, situato a Thimphu, la capitale, edificata a 2300 metri, circondata da risaie terrazzate e da salici piangenti.

A Thimphu ha sede l’Istituto nazionale di medicina tradizionale, una costruzione tra le più interessanti della città, non solo a livello architettonico; al suo interno, si scoprono tanti preparati medicinali a base di erbe officinali, di minerali e di altri preziosi ingredienti per la cura di varie malattie. Presso l’Istituto viene svolta un’intensa attività di ricerca sulle piante medicinali del Bhutan al fine di impiegarle secondo antiche tradizioni taumaturgiche, molte delle quali sono conservate in preziosi e centenari volumi presenti nella biblioteca dell’Istituto.

Danze e luoghi misteriosi

Bhutan viaggio Selene Calloni

Negli dzong, i monasteri-fortezza, eretti in cima alle colline o alla confluenza dei fiumi, vengono celebrate le tsechu, feste che durano più giorni, nel corso delle quali i monaci, vestiti con gli abiti tradizionali e con il volto coperto da grandi maschere colorate, danzano in onore dei grandi maestri, al suono di tamburi, cembali e corni. Tra gli eventi più suggestivi vi è quello di Punakha Dromche, dove sono rappresentati da un lato, i temi tipici del Bardo, lo stadio intermedio tra rinascite, dall’altro, i fatti storici legati alla fondazione del Druk Yul, il paese del Drago Tonante.

Gli aspetti religiosi si fondono con le rappresentazioni mitiche e le antiche tradizioni folkloristiche del Paese. Altrettanto importante è lo tsechu dedicato a Padmasambhava, durante il quale viene rievocata la vita, oltre che i suoi insegnamenti. Tra i luoghi più affascinanti e misteriosi del Bhutan vi è il Bumthang, cui si accede oltrepassando il valico di Yotong, In questa zona avvolta da atmosfere mistiche si possono scoprire i primordi della cultura e della spiritualità bhutanese, visitando gli antichi siti della valle di Choskhor. Questa vallata, fulcro del Bumthang, protegge il monastero-fortezza di Jakar, risalente al 1549. Si può ammirare inoltre il tempio di Kurjey, tra i siti più sacri del Bhutan, fondato nel 1652 sul leggendario luogo dove Guru Padmasambhava aveva lasciato impressa su una roccia l’impronta del proprio corpo.

Tra le sue frasi più ispirate vi sono questi versi:

Mio padre è Samantabhadra, la consapevolezza non–duale. Mia madre è Samantabhadri, la sfera assoluta. La mia discendenza è l’unione di consapevolezza non–duale e sfera assoluta. Mi chiamo Padmasambhava, il Nato dal Loto. Il mio Paese è la sfera assoluta, libera da sorgere e cessare. Il cibo di cui mi nutro è il pensiero dualistico. Dedico il mio tempo a compiere le attività di un Buddha”.

Spiritualità, meditazione e Yoga in Bhutan

Bhutan viaggio Selene Calloni

Il Paese delle nevi è la meta di un imperdibile Viaggio/seminario condotto da Selene Calloni Williams e organizzato da Voyagesillumination.

Selene ha viaggiato in Bhutan molte volte e molto a lungo in passato, è uno dei luoghi al mondo che più ama, poiché è il solo che abbia ancora il tantrismo come religione ufficiale.

Selene ritorna in Bhutan dopo diversi anni e lo fa mettendo a frutto l’esperienza accumulata, la quale Le dice che il periodo migliore per visitare il Bhutan è proprio a cavallo tra dicembre e gennaio, quando il caldo non è ancora arrivato e soprattutto non sono ancora arrivati i turisti. In questo periodo, non turistico, i monaci e i monasteri sono più disponibili, la pace e la vastità dei paesaggi e dei monasteri è godibile fino in fondo.

Il Bhutan è chiamato “Il paese delle nevi” e va visto in questo periodo: il tempo del “vero Bhutan”.

Durante il viaggio Selene condurrà personalmente un seminario sulla tradizione sciamanico-tantrica della non-dualità, l’erotica sciamanica, la mistica sciamanica e la poetica sciamanica.

Le Iscrizioni si effettuano entro il 20 SETTEMBRE

Per maggiori info e iscrizioni:info@voyagesillumination.com

La partecipazione è subordinata ad un colloquio e il numero dei partecipanti è limitato. Richiedi la scheda dettagliata del viaggio scrivendo a info@voyagesillumination.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *