Irlanda tra misteri e natura selvaggia

L’isola di smeraldo continua a incantare per i suoi paesaggi. La contea del Clare è una delle regioni in cui si trovano le spettacolari Cliffs of Moher, scogliere che si ergono imponenti: alte 200 metri, si estendono per 8 lunghi chilometri. È una fortezza naturale rocciosa che difende l’entroterra dai burrascosi venti provenienti dall’Atlantico. I momenti migliori per passeggiare sulle cime delle scogliere sono il tramonto (nella stagione estiva) e l’alba (in inverno), quando nelle giornate non piovose, i raggi del sole colorano le rocce di calde tonalità.

 
Non molto lontano dalle scogliere di Moher, in direzione nord, si trova un tavoliere ampio più di 200 km² di calcare, meglio noto col nome di Burren. Di verde, qui, se ne vede ben poco, sebbene nei mesi primaverili, tra cavità e solchi rocciosi, germoglino genziane e orchidee. Sono fiori che sopravvivono in questo ambiente aspro grazie al particolare microclima dell’area. È un paesaggio brullo, formatosi sotto il mare e poi affiorato in superficie dai movimenti tettonici, che ha affascinato sin da tempi remoti gli antichi abitanti della zona. Nel Burren, oltre a incontrare il dolmen di Poulnabrone, tra i più importanti e meglio conservati dell’Irlanda, datato 2.500 a.C., si possono ammirare le grotte di Aillwee, inquietante labirinto di corridoi che conducono a caverne coperte da stalattiti e stalagmiti. 
 
Il mistero avvolge poi Newgrange. “È riconosciuto come il sito più antico e importante d’Irlanda. Ed è un esempio di sofisticata tomba a corridoio neolitica”, ricorda David Douglas nel volume “L’atlante delle città e dei siti sacri” (Urra-Apogeo Edizioni). Proprio a Newgrange, durante il solstizio d’inverno l’alba illumina l’interno di questo sito rivelando il valore storico di un luogo perfettamente conservato dopo più di cinquemila anni dalla sua costruzione.
L’Irlanda non è solo sinonimo di prati verdi, ma racchiude molte e inattese sorprese.
 

 

I commenti sono chiusi.