I Rimedi Naturali di Salute e Benessere di Nonna Ortensia

Entrando in una libreria o facendo una semplice ricerca in internet è facile imbattersi in una marea di testi, vecchi e nuovi, che affrontano il tema della fitoterapia da diverse prospettive. Troviamo manuali, molto didattici, alcuni troppo brevi, altri molto esaurienti. Troviamo poi ricettari che descrivono varie indicazioni su come preparare infusi o pietanze a base di erbe. Mancava però in tutto questo filone un libro che fosse romanzo e al contempo guida utile per conoscere i rimedi naturali tipici della vecchia saggezza contadina.

A colmare questa lacuna ci ha pensato Dorotea Sabatelli con I Rimedi Naturali di Salute e Benessere di Nonna Ortensia (Auralia Edizioni, 2012), in cui l’autrice racconta in modo semplice, poetico e divertente la sua infanzia a contatto con la natura:  è un periodo pieno di colori e profumi durante il quale la piccola Dorotea impara i preziosi saperi custoditi da nonna Ortensia. La lettura è quindi un viaggio nella fanciullezza, quando Dorotea bambina viveva in un mondo sognante, ma reale, genuino, avvolto dai veri sapori di una volta. Nonna Ortensia le apre le porte di tanti segreti basati sull’attenta conoscenza di erbe e piante.

Il romanzo di memorie – in cui viene descritta con delicatezza una splendida natura incontaminata – si intreccia con una serie di indicazioni basate su efficaci rimedi naturali che la troppa tecnologia e i ritmi frenetici contemporanei rischiano di oscurare in un passato atavico. Così per fortuna non è: il sapiente e tradizionale uso di erbe e piante non può venire dimenticato, grazie anche a questo volume. Dorotea disvela preziosi consigli, su come per esempio curare le scottature estive, o come affrontare una condizione fisica di spossatezza, o ancora come prevenire o risolvere i problemi di gonfiore di stomaco. Sono tanti i rimedi sviscerati in questo bel libro, che si presta ad una lettura leggera e al contempo molto istruttiva.

Il racconto si legge con piacere anche perché riporta la mente al favoloso mondo dell’infanzia, dove tutto è magico, è gioco, e dove il contatto con la natura si rivela necessario, indispensabile. Molto toccante è poi il rapporto descritto tra la piccola Dorotea e nonna Ortensia: è un rapporto che mette in luce quanto sia fondamentale tramandare di generazione in generazione antichi saperi di famiglia, soprattutto se connessi al rispetto e alla conoscenza della natura. Un libro da leggere e rileggere, lasciandolo a portata di mano per avere sempre dei buoni consigli.

Silvia C. Turrin

***

«Da bambina ero impaziente di ascoltare nuove storie. Mi accoccolavo sulle ginocchia di mia nonna e quando scendeva la notte e le stelle vegliavano su di noi con le loro luci gentili, ascoltavo silenziosa e impaziente le favole che amavo…» Dorotea Sabatelli

Per approfondire clicca qui

I commenti sono chiusi.